Filomena Campus & Giorgio Serci

SCARAMOUCHE

 

Scaramouche (Egea Incipit) by Filomena Campus and Giorgio Serci, featuring Adriano Adewale, Rowland Sutherland, Keld Ensemble and jazz legend Kenny Wheeler.

Now available on Itunes and Amazon, Egea store, The Italian Bookshop,  Ray’s Jazz (Foyles)  in London and in the best music stores.

_MG_7895

UK & Italian PRESS

“Beautiful atmospheric duo, Great album” Chris Philips, JAZZFM

‘Bellissime atmsfere, grande album’ Chris Philips, JazzFM

Album of the week/Disco della Settimana – Fahrenheit Radio3 RAI (Feb 2015)

RADIO CLASSICA podcast of the interview to Filomena Campus about Scaramouche

RADIO 3 RAI Piazza Verdi podcast of the interview and live performance with Filomena Campus and Giorgio Serci

cover_scaramouche-1

JAZZWISE Review of Scaramouche  ****  by Charles Alexander

Jazzwise Review

 

UKVIBE Review Filomena Campus & Giorgio Serci ‘Scaramouche’ (EGEA) 4/5

Internationally revered and respected Sardinian free improviser/lyricist/Jazz vocalist Filomena Campus and award winner Sardinian guitarist, composer, arranger Giorgio Serci recently launched their latest album ‘Scaramouche’ at a critically and publically acclaimed showcase at London’s Pizza Express, Jazz Bar. This luxuriously packaged CD is reminiscent of those classical musical gate-fold box-set LP’s of yesteryear – but much, much more lush. The striking and vibrant cover art – created by fellow Sardinian and Internationally famed Painter/Sculpture, Giuseppe Carta – radiates the warmth of the Sardinian sunshine. That same striking and vibrant lushness is thankfully carried through to each ear-pleasing recording of this refreshing ten track offering. Although now based in London, both Filomena’s and Giorgio’s Sardinian roots ooze out on this rich recording. The term ‘Scaramouche’ refers to 16th century masked theatre performances of the’Commedia dell’arte all’ improvviso’(comedy of the very creative ability of improvisation). In fact it is Ms Campus’ theatrical background and ‘creative ability of improvisation’ and lyrical interpretation which resonate fervently throughout the album.

The opening track ‘Hermetico’ (Dedicated to Brazilian Improviser/Composer/Multi-instrumentalist Hermetico Pascoal) sets the high bench mark of quality musicianship that this captivating, well-rounded album never drops below. ‘Hermetico’s’ jaunty and infectious staccato rhythm and backbeat is given authenticity by the input of Brazilian master and purveyor of fine percussion, Adriano Adewale, combined with the crispness of Giorgio Serci’s clear and concise classical guitar inflection allowing Filomena’s tender vocals to weave freely between the two as she sings about, “…uncensored melodies from your Brazil were I am flying with you.”

Each track although all original compositions, seems to have an instant familiarity, which is testament to Giorgio Serci‘s inherent ability to write, play and conduct expansive and thoughtful musical scores which allow room for the individual expression of the musicians as well as Filomena’s uninhibited Nightingale-esque vocal style and lyrical adeptness. ‘Primavera,’ ‘Boghe ‘E Maestrale,’ ‘Scaramouche’ and the magnificent ‘Campidano’ in particular, will have you humming their catchy melodies for hours and even days after.

The involvement of featured artists/special guests, Adriano Adewale, Rowland Sutherland, the Keld Ensemble and the late Kenny Wheeler, is truly impactful. The aptly titled ‘Momentum’ transpired to be indeed that – a momentous recording – being as it was, one of the last studio recordings of the late, inspirational British trumpet player/conductor Kenny Wheeler. Mr Wheeler definitely left his distinctive musical signature on this recording. Esteemed classical and jazz flautist Rowland Sutherland also graces the album with his delicately wispy and ethereal flute injections on ‘Boghe ‘E Maestrale’ and the title track ‘Scaramouche’. The Keld Ensemble who first came to prominence in 2010 are now a well-established and in demand orchestral outfit. Their musical mastery can also be found on the captivating title track ‘Scaramouche’ as well as the instrumental and hidden gem ‘Decisions’. Brazilian multi-percussionist Adriano Adewale’s, intuitive, illuminating, yet subtle and controlled playing provides this album with the X factor that a traditional drummer would not afford.

Underpinning all of this is Giorgio Serci’s ever present feather-light and precise classical guitar/bass/oud delivery which complements Filomena’s exquisite vocal flourishes. The synergy between the two, evident throughout the album, is magnified on the more minimalist tracks such as ‘Hermetico,’ where the two Sardinians spa effortlessly with one another; ‘Baltic Spellbound’, where guitarist and vocalist seem to instinctively follow each other’s fluctuations and undulations; and on the playful purity of ‘Primavera’.

In conclusion, with ‘Scaramouche,’ Filomena Campus and Giorgio Serci have produced an album that will not only transport one mentally to the Sardinian sunshine, but will enable one to virtually taste their world-famous Sardinian Sospiri sweets and Amaretti cookies. With its exemplary chocolate/gift box presentation and the festive season soon upon us, ‘Scaramouche’ would indeed make the ideal Christmas present for a good friend, significant other or that someone special (YOU!). Buon Natale!  Michael J Edwards UKVIBE

Italian translation/traduzione in italiano della recensione di UKVIBE su Scaramouche

La jazz vocalist, autrice e improvvisatrice Filomena Campus, rispettata e venerata a livello internazionale e  il chitarrista, compositore, arrangiatore e pluripremiato Giorgio Serci hanno recentemente lanciato il loro album ‘Scaramouche’ al famoso Pizza Express Jazz Club, Londra. Il loro nuovo CD, lussuosamente confezionato ricorda le copertine dei classici LPs di una volta – ma in versione ancora piu’ ricca. La suggestiva e vivace copertina – creata dal pittore/scultore sardo di fama internazionale Giuseppe Carta, irradia il calore del sole sardo. Della stessa vibrante e suggestiva ricchezza sono permeate ognuna delle dieci tracce. Anche se con sede a Londra, le radici sarde di Giorgio e Filomena sono chiare in questa ricca registrazione. Il termine ‘Scaramouche’ si riferisce al personaggio rappresentato negli spettacoli teatrali nel sedicesimo secolo della  ‘Commedia dell’arte e all ‘improvviso’. Il ‘background teatrale e la capacita’ creativa di Campus nell’improvvisazione e nell’ interpretazione lirica risuonano con fervore in tutto l’album.

Il brano di apertura ‘Hermetico’ (Dedicato al Compositore / multi-strumentista brasiliano Hermeto Pascoal) conferma l’altissimo livello di musicalità e di qualità dal quale questo accattivante album ‘a tutto tondo’ non scende mai al di sotto. Al contagioso ritmo staccato e i sui controtempi, è data autenticità dal maestro percussionista brasiliano Adriano Adewale.  Il tutto unito alle chiare e raffinate inflessioni alla chitarra classica di Giorgio Serci, permettendo alla voce delicata di Filomena di tessere, cantando liberamente tra i due strumenti “… le melodie incensurate dal vostro Brasile dove sto volando con te.”

I pezzi sono tutti composizioni originali, sembrano avere una familiarità immediata, che testimonia la capacità intrinseca di Giorgio Serci a scrivere, suonare e dirigere partiture musicali complesse e riflessive, lasciando spazio per l’espressione individuale dei musicisti, così come il disinibito canto ‘d’usignolo’ e la versatilita’ lirica di Filomena. ‘Primavera,’ ‘Boghe’ E Maestrale, ” Scaramouche ‘e in particolare la magnifica’ Campidano’, vi faranno cantare le orecchiabili melodie per ore e persino giorni a venire.

Il coinvolgimento degli artisti presenti e special guests, Adriano Adewale, Rowland Sutherland, il Keld Ensemble e il recentemente scomparso Kenny Wheeler, è davvero incisivo. Il brano giustamente intitolato ‘Momentum’ e’ stata una delle ultime registrazioni di Wheeler, che ha sicuramente lasciato la sua firma musicale in questa registrazione. Lo stimato flautista classico e jazz Rowland Sutherland ha arricchito l’album con le sue eteree note al flauto su ‘Boghe’ E Maestrale’ e ‘Scaramouche ‘. Keld Ensemble e’ una consolidata e versatile orchestra d’archi formata nel 2010, la quale maestria musicale si puo’ ammirare nel accattivante ‘Campidano’ e in  ‘Decisions’, una gemma strumentale nascosta. Il percussionista brasiliano Adriano Adewale fornisce all’album un intuitivo, illuminante, ma sottile e controllato ‘X factor’, che un batterista tradizionale faticherebbe ad ottenere.

Alla base di tutto questo è sempre presente la precisa e delicata chitarra classica, il basso e l’oud di Giorgio Serci che integrano le squisite fioriture vocali di Filomena. La sinergia tra i due, evidente in tutto l’album, è amplificato nei pezzi più minimalisti come ‘Hermetico,’ dove i due interagiscono senza sforzo tra loro; ‘Baltic Spellbound’, dove il chitarrista e la cantante sembrano seguire istintivamente le proprie fluttuazioni e ondulazioni; e sulla purezza giocosa di ‘Primavera’.

In conclusione, con ‘Scaramouche,’ Filomena Campus e Giorgio Serci hanno prodotto un album che non solo vi trasportera’ mentalmente al sole sardo, ma vi consentiranno di degustare virtualmente tutti i sapori della Sardegna. Con la sua elegante copertina,  ‘Scaramouche’ e’ un ideale regalo di Natale per un buon amico,  una persona importante per voi o per qualcuno di molto speciale (voi stessi!). Buon Natale!  UKVIBE  Michael J Edwards

3P2A2616

“La musica è un ponte tra la Sardegna e il mondo” (Music is a bridge between Sardinia and the world)

Enrico Franceschini, La Repubblica

Paolo Fresu, il grande trombettista jazz sardo, ha scritto le note di copertina di “Scaramouche”, ultimo album della cantante sarda Filomena Campus e del chitarrista Giorgio Serci (suoneranno insieme la settimana prossima al Pizza Express Jazz Club di Soho). Parole molto belle e poetiche. Eccone un estratto:
“Sentendo questo nuovo lavoro si ha la netta impressione di assistere a un percorso che è logico e consequenziale. Percorso fatto di artigiana passione e puntigliosa ricerca. Se il mondo del teatro e della scrittura permea tutto il disco con testi dai plurisignificati è l’origine del progetto a gettare le basi della complessa Sinfonia. Un sottile duo di voce e chitarra amplifica le corde dei due strumenti per farli diventare una grande orchestra, impreziosita dalle ultime note strazianti di Kenny Wheeler (leggenda del jazz inglese, scomparso poche settimane fa, ndr). La ricerca timbrica è al centro di questo lavoro e segna in modo profondo quel rapporto tra ancestrale e contemporaneo che da sempre è nella poetica di Filomena e Giorgio Serci, gettando così, ancora una volta, un ponte ideale tra la Sardegna e il mondo. I loro rimandi sono non solamente all’isola incastonata nel Mediterraneo, ma anche al Brasile di Hermeto Pascoal, a Jack Hirshman o Maria Carta… La voce e la musica si perdono così nella notte dei tempi e delle geografie, e Filomena e Giorgio adagiano sulle loro spalle, con viva coscienza, il pesante fardello dell’insularità, laddove luoghi, voci, vento e ombre diventano gli oggetti introspettivi del loro nuovo viaggio. Se i confini dell’isola si allargano al mondo, nel sentire Scaramouche si ha l’impressione che la storia continui. Avviluppata in se stessa e pronta a spiccare un altro volo verso l’ignoto”.  (Franceschini, La Repubblica)

Stanza rossa foto Anedda:Carta 4

Paolo Fresu’s  Scaramouche CD notes

Listening to this new album you get the distinct impression of witnessing a path that is logical and consequential. A path made of artisan passion and meticulous research. If the world of theatre and writing permeates the entire album in the lyrics with multiple connotations, the purpose of their project is to lay the foundation of a complex Symphony.
A fine voice and guitar duo amplifies the strings of the two instruments creating a great orchestra enhanced by the last heartbreaking notes of Kenny Wheeler. The attention to timbre is the focus of this work and marks deeply the relationship between ancestral and contemporary that has always been in the poetics of Filomena and Giorgio. Throwing in this way, once again, an ideal bridge between Sardinia and the world. Their references are not only set in the Mediterranean island but also in Hermeto Pascoal’s Brasil, in the poetry of Jack Hirschman and Maria Carta… Voice and music get lost in the night of time and in the geographies, as Filomena and Giorgio lay on their backs, with deep awareness, the heavy burden of belonging to an island where places, voices, wind and shadows become the objects of their new introspective journey. If the boundaries of the island spread out in the world, listening to Scaramouche one gets the impression that the story continues. Wrapped up in itself, and ready to take another flight into the unknown.”
Paolo Fresu, Kostantz / Settembre 2014
Scaramouche_MUSICA JAZZ

“Filomena Campus ha la capacita’ di sorprendere e lo fa con una voce che sa declinare un vocabolario forbito, multicolore e senza barriere. Qui abbandona l’acuto e ferroso suono avanguardistico di ‘Jester of Jazz’ per dare fresca gioiosita’ alle note mediterranee tessute da Serci. Si ascolta la risacca dei mari del Sud: dal ritmato Brasile di Hermetico (dedicata a Hermeto Pascoal) al brilante cameratismo dagli arpeggi barocchi e dalle note squisitamente scandite dalla chitarra di Serci e sottolineate dalla voce luminosa della cantante, abile nell’imbastire microvariazioni ricche di cromatismi (Baltic Spellbound, Primavera). Gli ospiti portano dei bei doni e un paragrafo a parte meritano le raffinae perle di Wheeler in Momentum. Ogni composizione apre un probabile scenario futuro: anche gli archi del Keld String Ensemble che ammantano Campidano di un velo onirico e filmico. Solo Ombre e’ d’altra firma, quella di Maria Carta, e ben si sposa con il profondo senso di ricerca di un lavoro caldo e destinato a non tramontare”. AYROLDI

Filomena Campus & Giorgio Serci (photo by Giuseppe Carta and Gianluigi Anedda at Palazzo Tonca, Banari, Sardinia)

filophoto

Recensione Il Popolo Del Blues

Chitarra classica e voce. A volte il jazz nelle sue declinazioni può funzionare anche in un duo acustico, con qualche aggiunta sonora. E’ il caso del connubio artistico tra la cantante Filomena Campus e il chitarrista Giorgio Serci. Innanzitutto va lodata la scelta di presentare un disco formato quasi interamente da originali. Brani segnati da influenze come la bossa nova, la musica colta o ritmi della tradizione della Sardegna, terra che ha dato i natali a entrambi. Poi la scelta di un’atmosfera da camera per la proposta musicale, che rende il disco di ascolto gradevole ma non banale. L’esperienza dei due musicisti fa il resto con l’ispirazione creativa che ha dei momenti eccellenti. Segnaliamo tra questi l’iniziale Hermetico, i vocalismi di Campus in Primavera,  la melodia di Momentum con la tromba dello scomparso Kenny Wheeler ospite d’onore, la conclusiva Scaramouche.    Michele Manzotti

Recensione JAZZ CONVENTION

Filomena Campus: voce
Giorgio Serci: chitarra classica, chitarra elettrica, basso, oud
Adriano Adewale: percussioni
Rowland Sutherland: flauto
Kenny Wheeler: flicorno
Keld String Ensemble

Scaramouche si fonda sull’incontro della voce di Filomena Campus e delle corde di Giorgio Serci. Un dialogo intrecciato sulle melodie, ricco di sonorità e suggestioni, sul quale si innestano gli interventi degli ospiti, le loro voci, le poesie recitate da Filomena Campus. Una tavolozza di suoni dalla grana principalmente acustica, radicata in una naturalità allo stesso tempo concreta e lieve.
Il filo conduttore del lavoro è proprio la dualità tra elementi eterei e naturali, una imprescindibile connessione tra spirito e materia che corre lungo ogni brano, ogni passaggio. L’idea viene declinata secondo varie prospettive e, di conseguenza, utilizzata per dare colore e forma ad un percorso mirato a contenere al proprio interno arti diverse e suggestioni provenienti da regioni differenti. Brano dopo brano, infatti entrano nel caleidoscopio di Scaramouche le percussioni di Adriano Adewale, il flicorno del grande e compianto Kenny Wheeler, i rimandi classici portati dal flauto di Rowland Sutherland e dagli interventi del Keld String Ensemble. Scaramouche diventa una sorta di Mediterraneo espressivo, una sintesi di linguaggi e di modi di intendere la musica.
Un elemento aggiuntivo viene dal ponte instaurato tra Sardegna e Londra: due maniere diverse di declinare la convergenza di mondi lontani e l’insularità, il melting pot e la “mediterraneità”. Ma, come si diceva sopra, tutto è volutamente duale. E, in questo senso, possiamo intendere lo sguardo alle tradizioni e al presente, l’attenzione al mondo colto e alla dimensione rurale, richiamata ad esempio nella poesia di Maria Carta.
Il canovaccio di Scaramouche esce dai canoni e dalle barriere di genere per utilizzare le varie chiavi espressive secondo le proprie necessità. Il tessuto acustico del disco rende possibile vestire e accondiscendere le varie anime intercettate. Giorgio Serci aggiunge solamente in Baltic Spellbound la chitarra elettrica: il passo più rotondo e meno nervoso delle sonorità acustiche diventa l’utile collante per un lavoro concepito come Scaramouche, con molte anime a comporre il disegno finale. Filomena Campus e Giorgio Serci operano secondo un metodo di stratificazioni successive. Al duo si aggiungono dapprima le percussioni di Adriano Adewale e poi gli interventi singoli di Wheeler, di Sutherland e del Keld String Ensemble, in modo da non avere mai più di quattro elementi contemporaneamente presenti: il passo del lavoro è tale da far risuonare anche nei brani successivi gli echi, le interazioni e i rimandi stabiliti in precedenza e riesce così a dare continuità allo sviluppo del disco. Fabio Ciminiera

Recensione di Guido Festinese – Audio Review

11072659_10205095734746816_1636433490_n          Bioguida primavera 2015-page-001

 

Filomena Campus, Giorgio Serci, “Scaramouche” siteon0-e5814

di Giovanni Greto

Conosciutissima ed apprezzata a Londra, dove si è trasferita dalla natìa Sardegna, la cantante Filomena Campus si presenta al pubblico italiano con un lavoro assai gradevole, assieme al chitarrista e compositore Giorgio Serci, anch’egli originario della vasta isola italiana. Nel disco ci sono nove composizioni originali, frutto della feconda scrittura di Serci, ed un testo, una favola o un ricordo personale avvolti dalla poesia, di un’altra artista sarda, Maria Carta, recitato con affetto dalla Campus. Per cinque dei nove brani, la Campus compone le liriche, in lingua inglese, che ben padroneggia anche nella pronuncia, o italiana. Ad un ascolto ad occhi chiusi, si ha la sensazione di ascoltare un ottimo chitarrista brasiliano, sia per il modo di accompagnare con lo strumento – la “batida” (battuta) è proprio quella tipica dei grandi interpreti della Musica Popolare Brasiliana -, sia per una percussività caratteristica del vasto Paese sudamericano. Non per niente il primo brano, ‘Hermetico’, è un omaggio ad Hermeto Pascoal, singolare personaggio, musicista e compositore, conosciuto anche per aver suonato con il Miles Davis della prima svolta elettrica. Ma Serci deve anche amare il Jazz e lo dimostra nel brano successivo, ‘Baltic Spellbound’, in cui nel finale sceglie lo strumento elettrico per dar vita ad un assolo “methenyano”. La Campus, oltre a cantare il brano, si cimenta con successo in uno Scat, che ricorrerà spesso durante tutto l’album, dimostrando un’invidiabile capacità che la inserisce tra i maggiori vocalisti della musica Jazz. Accanto ai due protagonisti, in parecchie tracce fa capolino la percussione, discreta, ma importante, di Adriano Adewale, alle prese con piccoli strumenti tradizionali, quali pandeiro, caxixì e, nel brano finale che dà il titolo all’album, con gli ago-gò, la piccola coppia di campane metalliche intonate, essenziale nelle “escolas de samba” (le scuole di samba). Ci sono poi tre ospiti : il Keld String Ensemble, in ‘Decisions’, l’unico pezzo interamente strumentale che riporta alle composizioni del “Nuevo Tango” di Astor Piazzolla, e in ‘Campidano’, un nome che indica la più vasta pianura della Sardegna, posta tra i golfi di Oristano e Cagliari. E’ una composizione ad ampio respiro che rimanda a spazi sconfinati e ad una natura che si spera possa rimanere incontaminata.

E’ un disco piacevolissimo, che mette in luce due artisti meritevoli di essere conosciuti da un pubblico più vasto. Vocalmente, la Campus ricorda, a proposito di Brasile, la cantante Ana Caram, mentre quando usa lo Scat, l’italiana Maria Pia De Vito. Il secondo ospite è il flautista Rowland Sutherland, nei brani “Boghe e’ Maestrale” e “Scaramouche”. La quarta traccia , “Momentum”, vede probabilmente l’ultimo soffio al flicorno in sala d’incisione, del musicista e compositore canadese, stabilitosi da anni in Gran Bretagna, Kenny Wheeler (1930- 2014), che se ne sarebbe andato poco dopo l’uscita del CD. Il suo assolo, contraddistinto come sempre da un suono morbido e malinconico, sembra in certi momenti quasi un disperato grido d’aiuto, come se l’artista fosse consapevole che il flusso vitale stava inesorabilmente spegnendosi.

 

Filomena Campus, Giorgio Serci – “Scaramouche” – EGEA Incipit 189
Protagonisti di questo album la vocalist, regista, autrice Filomena Campus e il chitarrista, compositore e arrangiatore Giorgio Serci che dalla natia Sardegna oramai da tempo si sono trasferiti a Londra incontrando grande successo di pubblico e di critica. Non a caso per cinque dei nove brani i testi della Campus sono in inglese e non a caso l’album prima dell’uscita nel nostro Paese, è stato presentato in anteprima nel famoso Pizza Express Jazz Club di Londra. A loro nel CD si aggiungono il percussionista brasiliano Adriano Adewale, il flautista Rowland Sutherland nei brani “Boghe e’ Maestrale” e “Scaramouche” , il Keld Ensemble String Orchestra costituito nel 2010 e presente con esiti eccellenti in “Campidano” e in “Decisions”, l’unico pezzo interamente strumentale, e il grande Kenny Wheeler al flicorno in un solo brano, “Momentum”, che rappresenta una delle ultime registrazioni effettuate dal grande artista scomparso lo scorso settembre. E proprio questo pezzo rappresenta una delle perle dell’album grazie proprio all’assolo di Wheeler così denso e allo stesso tempo esitante, sempre però caratterizzato da quel suono caldo, morbido che da sempre costituisce una delle caratteristiche essenziali del musicista canadese. Però, al di là dell’indubbia valenza degli ospiti, l’album si fonda sul perfetto connubio tra la voce della Campus, godibilissima anche nello scat cui spesso fa ricorso, e le corde di Serci, connubio declinato secondo un preciso filo conduttore: armonizzare, all’interno di un quadro omogeneo, una serie di input derivanti da fonti assai diverse quali la musica colta (interessante al riguardo il contributo del Keld Ensemble String Orchestra e di Rowland Sutherland), la tradizione rurale (si ascolti la splendida poesia di Maria Carta) , universi ritmici lontani dai nostri (le percussioni di Adriano Adewale). Il tutto giocato sul terreno acustico: Giorgio Serci utilizza la chitarra classica, l’oud o la chitarra basso, facendo ricorso alla chitarra elettrica in un solo brano, “ Baltic Spellbound”. In tale contesto, Filomena Campus e Giorgio Serci presentano un repertorio fortemente ancorato alle proprie tradizioni con brani originali (musiche del chitarrista e testi della vocalist). In tutto l’album Filomena e Giorgio evidenziano una intesa perfetta che, come acutamente sottolinea Paolo Fresu nelle note di copertina, “segna in modo profondo quel rapporto tra ancestrale e contemporaneo che da sempre è nella poetica di Filomena e Giorgio gettando, così, ancora una volta, un ponte ideale tra la Sardegna e il mondo”. Gerland Gatto – A proposito di Jazz – Online Jazz

 

 

_MG_8067

REMOTEGOAT review of Scaramouche concert live with Keld Ensemble at Lauderdale House Feb 2015

“True emotion”

It was an appealing performance Filomena Campus and Giorgio Serci, featuring Keld Ensemble, at the Lauderdale House, Highgate, last 6 February.
The performance was on two sets and it was much applauded by the public. There has been a good interaction between the three elements: Campus, Serci and Keld Ensemble.
Keld Ensemble played few of their own pieces. While Serci and Campus introduced their album ‘Scaramouche’.
Keld Ensemble is an established chamber group. They take their name from Northern English word Kelda (fountain, spring), which comes from the Old Norse. Since their debut in 2010, they performed all around the United Kingdom, in prestigious venues such as St. Martin in Fields. They have a richly varied repertoire, from classic to jazz.
Keld Ensemble played a couple of very good pieces alone. However, the concert set list mainly was structured around Scaramouche, the album of the Campus and Serci duo. Scaramouche is a character from the Commedia Dell’Arte, often represented with a guitar – Campus is also a director of theatre.
Launched last year, Scaramouche presents music written by guitarist Giorgio Serci and lyrics by singer Filomena Campus. They both live in London and coming from the Italian region of Sardinia. The album has a strong jazz component. Partially, the album is a tribute to Brazilian Hermeto Pascoal. Additionally, Scaramouche mixed elements from the Mediterranean island of Sardinia, the Mediterranean Sea where it lies and Africa. In Round Midday, Campus has developed a poem by Beat poet Jack Hirschman. Campidano, instead, is a subtle piece that reminds the homonymous local area to which both the artists have strong connections.
The audience warmly applauded. All artists were virtuosos. It is difficult to perform such kind of music. However, the artists were able to give true emotion to the audience.
The three elements, Campus, Serci and Keld Ensemble, are really working well together. They are truly capable of giving emotions and give the opportunity to hear music played with the heart.
It is because, nowadays, is not easy to find real artist who can perform in acoustic, without the strong support of modern technologies. This can happen in small performances, in local contexts, in small venues. You need to look for good artist, while the big business, unfortunately, is only business. The truth lies in the little things.
This is the case of Lauderdale House. Built in 1582, Lauderdale House is an arts and education centre based in the Waterlow Park, Highgate. They offer a good programme of performances, workshops, outreach projects and exhibitions. The performance space is limited but genuine.
The concert has been a great opportunity to hear original music and well played. David Franchi

 

LONDONJAZZ Review: Scaramouche London albu launch @ My Jazz Islands Festival with Paolo Fresu, Orphy Robinson and Adriano Adewale

(12th Nov 2014, Pizza Express Jazz Club. Review by Alison Bentley)

The My Jazz Islands Festival brings jazz musicians from Britain and Sardinia together, with concerts on both islands. This gig was the third night of this year’s sold-out London festival, and also the CD launch of Scaramouche (Incipit Records INC 189), with music written by guitarist Giorgio Serci and lyrics by singer Filomena Campus,  both of whom have made London their second home. Fellow Sardinian, the renowned trumpeter Paolo Fresu was on the line-up for this closing evening too.

Campus and Serci opened with Primavera. Their CD has a Brazilian theme and they were joined by Brazilian percussionist Adriano Adewale, evoking Spring with bird whistles and rustling shakers. Serci has composed radiant, memorable melodies for the recording, played on nylon-stringed guitar, which he underpins with strong resonating bass notes. As Campus sang the tune wordlessly in unison with the guitar, there was an atmosphere of real warmth. At times we could have been listening to Egberto Gismonti and Nana Vasconcelos. The album is partly a tribute to Brazilian Hermeto Pascoal and the convoluted, nimble and joyful Hermetico (in 7/8) took strands from his compositions. There was an Airto Moreira moment when Adewale found unimaginable sounds in his tambourine, and his huge grin of enjoyment matched the audience’s. Campus’ fantastical lyrics added to the mood. The trio setting left lots of space to hear the subtleties and dynamics of her voice- the harmony lines with the guitar were particularly beautiful. Lyrics were significant: for Round Midday, Campus had reworked a wry poem about an encounter with a beggar, by Beat Poet Jack Hirschman.

Two pieces dedicated to the late, much-missed Kenny Wheeler marked the first appearance onstage of Paolo Fresu. One of Kenny Wheeler’s very last recordings is on the  Scaramouche CD, plaintive and distinctive, recorded in his home. Paolo Fresu took that role in Momentum at the launch gig. Fresu has talked in the past about the importance of ‘going inside the music’, and he played from the heart, with long ethereal notes and punchy utterances, earthing it all with bluesy phrases. Orphy Robinson joined them, his vibes blending subtly with the darting melody. Wheeler’s Everybody’s Song But My Own came in the second set- it’s not on the CD but was a sincere tribute here. Enzo Zirilli sat in as second percussionist as Robinson’s vibes blurred into amazingly fast chromatic lines.

Free jazz played its part all through the gig. Robinson and Fresu opened the second set with a duet of mysterious bell sounds and delay effects on the trumpet, Fresu’s phrases coming back to him like a reflection. Campus’ background is in the theatre, and Scaramouche is a character from the Commedia Dell’Arte, often, appropriately, depicted with a guitar. The eponymous song brought out Campus’ rich lower range over the bass drum sound of Adewale’s calabash and burnished cymbal accents. Some of the most striking moments were where the climactic sounds dropped right down to solo guitar for a while- the arrangements had a strong dramatic sense. Campidano was especially appreciated by audience members from that area of Sardinia. Its delicate melody (the CD version has strings arranged by Serci) was reassuring and acted as a familiar reference point in the freedom of the solos. Campus’ voice could be harsh and disturbing or deep, breathy and soothing- an huge range of truly improvised vocal sounds. It was if she’d held something back for this moment, and the others followed her. The simple chords allowed for great complexity in the rhythm- vibes like a marimba, trumpet crooning over Adewale’s percussive vocal sounds.

An evening of warmth and Sardinian love of life: melodies that ran through the head long after the gig, free jazz, improvisations with the shape of a theatrical performance, and music to lift the spirits on a wet November evening.

IMG_0409 IMG_0412 - Version 2

Traduzione in italiano della recensione di LondonJazz

Recensione: My Jazz Islands Festival – Filomena Campus & Giorgio Serci con Paolo Fresu, Orphy Robinson and Adriano Adewale. (12 novembre 2014, Pizza Express Jazz Club. Recensione di Alison Bentley)

Il ‘My Jazz Islands Festival’ unisce musicisti jazz provenienti dalla Gran Bretagna e dalla Sardegna, con concerti in entrambe le isole. Il terzo giorno del Festival  Londra, ‘tutto esaurito’, e’ stato anche il lancio del CD Scaramouche (Egea Incipit), con la musica scritta dal chitarrista Giorgio Serci e testi della cantante Filomena Campus, i quali hanno fatto di Londra la loro seconda casa. Il celebre trombettista sardo Paolo Fresu era uno degli special guests di questo concerto.

Campus e Serci hanno aperto il concerto con ‘Primavera’. Il loro album ha un tema Brasiliano evidenziato dal percussionista brasiliano Adriano Adewale, capace di evocare la primavera con i suoi suoni e colori. Serci ha composto melodie radianti e memorabili per la registrazione, eseguite alla chitarra classica con linee di basso risonanti e definite. Campus in questo brano canta la melodia senza parole all’unisono con la chitarra, creando un clima di vero calore,  a volte riminescenti di Egberto Gismonti e Nana Vasconcelos. L’album è in parte un tributo al brasiliano Hermeto Pascoal col contorto, agile e gioioso Hermetico (in 7/8) ispirato dalle sue composizioni. Nel concerto c’è stato un momento ‘alla Airto Moreira’ quando Adewale trova suoni inimmaginabili nel suo pandeiro, e il suo enorme sorriso di divertimento si abbina a quello del pubblico e i testi fantastici di Campus amplificano questa atmosfera. Il trio ha lasciato molto spazio alle sottigliezze e le dinamiche della sua voce e le linee di armonia con la chitarra erano particolarmente belle. I testi sono significativi: per ‘Round Midday’, Campus ha rielaborato una poesia ironica di un incontro con una mendicante, del poeta ‘Beat’ Jack Hirschman.

Alla fine, i due pezzi dedicati a Kenny Wheeler, recentemente scomparso,  ha segnato la prima apparizione sul palco di Paolo Fresu. Una delle ultimissime registrazioni di Kenny Wheeler e’ stata proprio per il CD Scaramouche, col suo suono distinto ed evocativo,  inciso a casa sua. Fresu ha svolto lo stesso ruolo nel concerto in ‘Momentum’. Fresu in passato ha parlato dell’importanza di ‘entrare dentro la musica’, che ha dimostrato suonando con il cuore, con lunghe note eteree e espressive ed incisive frasi blues. Orphy Robinson si unisce a loro, e le sue note al vibrafono si mescolano sottilmente con le guizzanti melodie. ‘Everybody’s Song But My Own’ di Wheeler, eseguita nel secondo set, non è presente nel CD, ma è stato un tributo sincero. L’ospite Enzo Zirilli ha contribuito come secondo percussionista, contrappuntando le linee  chromatiche e incredibilmente rapide di Robinson.

Il free jazz ha fatto la sua parte per tutto il concerto. Robinson e Fresu hanno aperto il secondo set con un duetto, dialogando con suoni misteriosi ed effetti ‘delay’ sulla tromba. Il background di Campus e’ il Teatro, e Scaramouche è un personaggio della Commedia dell’Arte, spesso raffigurato con una chitarra. Il brano omonimo ha messo in evidenza la tessitura vocale ricca di bassi, sopra il suono del ‘calabash’ di Adewale e gli accenti sui piatti. Alcuni dei momenti più suggestivi sono stati quando le dinamiche sono scese fino a lasciare la chitarra da sola – dando cosi’ un forte senso drammatico agli arrangiamenti. Campidano è stata molto apprezzata, particolarmente dai membri del pubblico provenienti da quella zona della Sardegna. La sua melodia delicata (la versione nel CD ha un’orchestra d’archi arrangiati da Serci) era rassicurante e ha agito come punto di riferimento nella libertà degli assoli. La voce di Campus puo’ essere dura e inquietante o profonda, sussurrata e ‘soothing’- una enorme gamma di suoni vocali improvvisati. Era come se avesse riservato qualcosa in piu’ per questo momento, e gli altri la seguivano. I semplici accordi (in questa parte di Campidano) hanno permesso una grande complessita’ ritmica, il vibrafono sunava come una marimba, la tromba sui suoni vocali e percussivi di Adewale.

Una serata di calore e amore sardo per la vita: melodie che restano impresse per molto tempo anche dopo il concerto, free jazz, improvvisazioni con la forma di uno spettacolo teatrale, e la musica per sollevare gli spiriti di una piovosa sera di Novembre.

SCARAMOUCHE

Filomena Campus and Giorgio Serci  performing live at London Pizza Express Jazz Club Soho with Adriano Adewale and feat special guest Paolo Fresu, My Jazz Islands Festival, Nov 2013

SCARAMOUCHE

With original music by guitarist Serci and lyrics by Campus, Scaramouche explores sounds and atmospheres inspired by the Sardinian roots of these two London based musicians. The title Scaramouche refers to mask of the Commedia dell’Arte, infusing moments of theatre and irony throughout the album through poems by  legendary beat poet Jack Hirschman and Sardinian singer/author  Maria Carta as well as a tribute to Brasilian master Hermeto Pascoal.

The album is enriched  by the wonderful percussions of Adriano Adewale and by special guests Rowland Sutherland on flute, Keld Ensemble string orchestra and legendary master KENNY WHEELER.

Filomena Campus and Giorgio Serci have toured as a duo in UK, Germany, Croatia and Italy and in UK they have performed with special guests such as Paolo Fresu, Orphy Robinson, Rowland Sutherland, Adriano Adewale, Cleveland Watkiss.

imagesKenny Wheeler

Adriano AdewaleAdriano Adewale Rowland Sutherland Rowland Sutherland

Spring Serenades 38-1Keld Ensemble

“Wonderful music, beautifully sung and played. This was our second time to hear Scaramouche performed live and it was such a pleasure. Your music and Filomena’s lyrics have real depth and character”. Charles Alexander (Jazzwise)

 

Italian album launch: January 2015

 _MG_7901

The cover of the album  has been created by internationaly renowned Sardinian artist Giuseppe Carta.

La copertina dell’album e le foto artistiche del libretto  sono di Giuseppe Carta, artista sardo di fama internazionale.

_MG_7954Giuseppe Carta

Carta is also the author of the paintings and sculptures used for the photoshooting at Palazzo Tonca in Banari, Sardinia. www.giuseppecarta.com

Carta e’ anche l’autore delle sculture e dei dipinti presenti nelle foto del libretto di Scaramouche.

Filomena Campus & Giorgio Serci’s DÙOS

Scaramouche nasce dalla collaborazione di due musicisti ben noti nella scena jazz inglese e internazionale: la vocalist jazz, autrice e regista teatrale Filomena Campus e il chitarrista, compositore e arrangiatore Giorgio Serci.

DÙOS significa ‘due’ in lingua sarda, e ricorda le radici di entrambi i musicisti, che da molti anni vivono a Londra e che in questo progetto esplorano suoni e atmosfere fortemente ispirati alla loro isola, la Sardegna. Il nuovo album SCARAMOUCHE  (pubblicato e distribuito da Egea Incipit)  include brani originali, con musiche di Serci e testi di Campus. Scaramouche e’ una maschera della Commedia dell’Arte, un personaggio che rappresenta simbolicamente la voce e la teatralita’ di Campus e la musica e la chitarra di Serci. Scaramouche ispira nell’album diversi momenti teatrali  in cui Campus interpreta poesie di autori come il grande poeta beat Jack Hirschman e dell’autrice e cantante Maria Carta.

Il progetto e’ arricchito dalle percussioni del maestro brasiliano Adriano Adewale, dagli archi del Keld Ensemble String Orchestra (nei brani Campidano e Decisions), dal flauto di Rowland Sutherland (Boghe ‘e Maestrale e Scaramouche), e dal flicorno del leggandario Kenny Wheeler (Momentum), tristemente scomparso lo scorso Settembre 2014.

L’album e’  stato presentato in UK (tutto esaurito)  al prestigioso Pizza Express Jazz Club Soho di Londra il 12 Novembre 2014 con due special guest d’eccezione come Paolo Fresu e Orphy Robinson. In Italia e’ uscito nel Gennaio 2015,  e’ stato disco della settimana su Radio3 Rai e ha ricevuto ottime recensioni dalla stampa specializzata.

200px-SAND_Maurice_Masques_et_bouffons_07

The character/ mask of Scaramouche of the Commedia dell’Arte.  La maschera/personaggio  Scaramouche della Commedia dell’Arte.

“The mask of Scaramouche is indelebly tied to Tiberio Fiorilli, who impersonated it all his life, and made the character famous and appreciated all around Europe. Wherever he went Scaramouche was received with great enthusiasm, his success terrific. Talented and artistic, the Fiorilli-Scaramouche was also strong, agile, graceful, sang with a good voice and played the lute. This is also why in most of the prints of Scaramouche show him with a lute or a guitar. Fiorilli’s fame spread fast into France and England, where he was always invited to play for the Kings and Queens of the time.
One of the more recognized talents of Fiorilli was his great ability with the pantomime, and the ability he had to transmit emotions, not only laughter, to the audience only through  gesturing.” “As heavens have only one sun,
Earth only had one Scaramouche”

La maschera di Scaramouche e’ legata indissolubilmente  all’attore Tiberio Fiorilli che la rese famosa in tutta l’Europa. Veniva accolto ovunque con grande entusiasmo e con enorme successo. Attore di grande talento artistico, Fiorilli/Scaramouche era forte, agile, aggraziato, cantava con una bella voce e suonava il liuto. Ecco perche’ e’ sempre rappresentato con un liuto o una chitarra. La fama di Fiorilli arrivo’ velocemente in Francia e in Inghilterra dove veniva invitato da Re e Regine del tempo. Uno dei suoi talenti era la sua abilita’ nella pantomima, e la capacita’ di trasmettere emzioni, non solo divertimento, solo attraverso i gesti e il movimento.  “Come il cielo ha un solo sole, cosi’ la terra ha un solo Scaramouche” (www.delpiano.com)

The lyrics of the song Scaramouche are dedicated to Steve Knapper.
Il testo del brano Scaramouche, che da’ il titolo all’album e’ dedicato a Steve Knapper.

~ ~ ~ ~ ~

Servizio TG3 Sardegna – Settimanale – 20/10/2012

~ ~ ~ ~ ~

 

 

 

 

 

 

 

Filomena Campus & Giorgio Serci, Capalbio

 

UKVIBE review of Scaramouche UK CD Launch concert at Pizza Express festuring PAOLO FRESU, ORPHY ROBINSON, ADRIANO ADEWALE

Filomena Campus & Giorgio Serci @ Pizza Express

 

Filomena Campus & Giorgio Serci with Special Guest, Paolo Fresu – ‘Scaramouche’ Album Launch – Pizza Express Jazz Club, London

This was the third of in the sequence of a memorable three night residency for Filomena Campus’ ‘My Jazz Islands’, but also doubled as the album launch for new release ‘Scaramouche’, a joint venture between herself and fellow Sardinian Classical/Jazz guitarist and award winner Giorgio Serci. Having already been a ‘Band Leader’ and ‘A Jester of Jazz,’ this third night saw the freestyle improviser, lyricist and theatre director reincarnate once again as part representation of *’Scaramouche’, the other half potrayed by guitarist Serci.

Following a personal introduction from Pizza Express’ Music Manager, Ross Dines, it was Filomena, Giorgio, and Adriano Adewale who initially took to the stage to enthusiastic applause from the sold-out audience. Addressing the microphone Ms Campus explained her excitement about the evening ahead, “It’s been a fantastic three days I have to say…And this is the album launch with this fantastic musician on my left Giorgio Serchi. It took two years, but we finally made it. And this is our new album ‘Scaramouche…’ All the music is written by Giorgio Serchi, and myself. And we start with ‘Primavera’ with Giorgio Serchi and Adriano Adewale.”

filomena-campus-giorgio-serci_by_antonello-brughitta_01
Photo: Courtesy of Antonello Brughitta

 

Mr Serci’s sensitive plucking his classical guitar strings, accompanied by Adriano Adewale’s percussive inflections instantly and evoked images of warm alfresco afternoons sitting in a waterside fish restaurant with the Sardinian sun-rays gently caressing ones face, whilst Mediterranean waves softly lap against the shore. Filomena Campus subtley interjected with her trademark freestyle floating vocal, mirrored by her relaxed free-flowing bodily movements. For some reason ‘Primavera’ has both a mystical and hypnotic quality about it, drawing the listener unconsciously into it’s musical web. The Jazz Bar audience were no different as they sat with eyes transfixed on the stage, especially during Giorgio’s sumptuous guitar solo.

filomena-campus-giorgio-serci_by_antonello-brughitta_02
Photo: Courtesy of Antonello Brughitta

As introduction to the next song Filomena went on to edify the accomplished percussionist Adriano Adewale with whom she shared the stage, “As we have a very, very special Brazilian man on stage with us tonight, we’re going to play songs inspired by another Brazilian musician and dedicated to Hermeto Pascoal. And this tune is called Hermetico.” The trio then segued into the fresh, frisky and frantic vibes of the aforementioned tune, with Adriano and Giorgio initiating proceedings with some musical jousting between percussionist and guitarist. Having observed the duo from the wings for nearly two minutes, Ms Campus joined the party, vocally painting vivid abstract images of a sun soaked day in Brazil.

After three minutes, Both Filomena and Adriano had their own vocal sparring session as they freestyled back and forth with vigour, whilst Adriano manically bashed his tambourine, yet still keeping a percussive rhythm in harmony with the song. Giorgio delicately eased this classical guitar strings back into the frame as the three of them brought the tune home. In ‘Round Midday’ Ms Campus paid homage to Jack Hirschman, one of the last generation ‘Beat Poets,’ who now resides and performs in San Francisco, adapting one of his poems, ‘Human Interlude.’ The trio remained on stage as Filomena began her storybook-esque monologue; standing next to a seated Giorgio Serchi who’s playing sympathetically mirrored her words, Mr Adewale maintaining a low-key but effective percussive presence in the background.

filomena-campus-giorgio-serci_by_antonello-brughitta_04
Photo: Courtesy of Antonello Brughitta

“In these three days I been playing with some of my most favourite musicians ever; and one in a particular has been my “Maestro.” … Actually I discovered this was my life when I did a Jazz workshop back in 1998 with Mr Paolo Fresu!” And with that introduction the highly respected Sardinian trumpet/flugelhorn player skipped onto the stage and warmly embraced his pupil. After paying Paolo some more well deserved compliments, Filomena welcomed to the stage a homegrown musical magician and original Jazz Warrior. “When I arrived in England, I found the support of another incredible “Maestro,” he’s one of my best friends; he’s like a brother to me; he’s one of the best Jazz musicians we have in the UK, Mr Orphy Robinson!”

With all the bases loaded, a glowing and humbled Filomena Campus, fittingly on this momentous album launch occasion for both her and Giorgio (as he wrote both the lyrics and music), explained the background to the next tune ‘Momentum,’ which, as it transpired, was one of the last tracks recorded by legendary trumpet/flugal horn player/conductor/inspirer Mr Kenny Wheeler before his recent passing. So it was extremely evident how honoured she was to have Paolo Fresu on stage to pay homage to his memory. True to its name, the tune gradually built momentum, with each musician patiently playing well within their limitations; Filomena breathiliy sung the succinct but emotive lyrics. After approximately four minutes and fifty seconds, Filomena eased back from the microphone stand allowing Poalo Fresu to take centre stage. Senor Fresu then proceeded to play a sublimely measured, poised and majestic flugelhorn solo that the late Kenny Wheeler would have been proud to deliver himself. It was the perfect tribute from one legendary trumpet player to another.

filomena-campus-giorgio-serci_by_antonello-brughitta_05
Photo: Courtesy of Antonello Brughitta

The musical baton was then handed over to the ‘Master Vibes Player’ Orphy Robinson. Unsurprisingly, there was no dropped baton here; on the contrary it was a move transition from one seasoned exponent of his instrument to another. Mr Robinson’s vividly coloured orange baubles on the ends of his Xylosynth sticks became a blur given the speed and swiftness with which Orphy traversed across his instrument, amazingly striking each individual block flush and moreover note perfect, as he offered up a truly impassioned solo, sweat glistening from his brow. Once these two musical heavyweights had completed their respective solos, Ms Campus once again addressed the microphone, softly reminding us of the lyrics from earlier whilst navigating the song to a peaceful conclusion.

The first set ended with Filomena explaining the symbolism behind the title track ‘Scaramouche’ and how the character ‘Scaramouche’ is representative of both her theatrical background and Giorgio’s background in that he plays guitar. This tune was full of both vocal and musical intricacies and fluctuations, with Paolo Fresu switching between trumpet and flugelhorn. The tune increased in intensity, with all five artists manoeuvring and swaying frantically, building to a rousing crescendo, before dying down completely, like an eighty mile an hour wind suddenly dropping to zero in an instant.

 

filomena-campus-giorgio-serci_by_antonello-brughitta_06
Photo: Courtesy of Antonello Brughitta

Set two saw Paolo Fresu and Orphy Robinson take to the stage, initiating proceedings with an imaginative, innovative and inventive free improvisational blitz; with both musicians creating abstract sound-scapes for near on nine minutes. At this juncture Filomena Campus having assessed the vibe from the parameters sauntered into the frame and intuitively picked up on the free-flowing improvisational rhythmic grove. It was a joy to watch these three artists creating such musical mastery from scratch. The art of free improv is most definitely alive and well. With the crowd still clapping in wonderment from the previous musical exploits, Ms Campus welcomed to the stage another compatriot, drummer and percussionist Enzo Zrilli to join the existing ensemble.

 

filomena-campus-giorgio-serci_by_antonello-brughitta_07
Photo: Courtesy of Antonello Brughitta

The atmosphere in this intimate venue was electric as the Sardinian songstress explained that she had performed the next song at the end of an extensive period of study under her mentor Paolo Fresu, when she first started out. The strains of ‘Everybody Song, But My Own’ penned by the late Kenny Wheeler rippled out across the audience. It is truly a beautiful tune which comes to life even more so in the live arena when performed by six international artists with phenomenal skill sets. The powerhouse percussion and rhythm section of Adriano Adewale alongside Enzo Zrilli, provided a solid, foot tapping backbeat, allowing Giorgio Serci, Paolo Fresu, Orphy Robinson and Filomena Campus free rein to express themselves to the maximum within the confines of the song. The use of reverb on Paolo’s flugelhorn added a haunting ambience to the tune. Again, he did not disappoint as he lay down another flawless horn solo, stirring Mr Robinson into action to do likewise.

filomena-campus-giorgio-serci_by_antonello-brughitta_08
Photo: Courtesy of Antonello Brughitta

The masterclass continued as Filomena, Adriano and Enzo upped the tempo taking the tune to another stratosphere, playfully and exuberantly interacting of another, Filomena, showing precisely why she is regarded as the best in her field, with regard to the hard to master free improvisational art form. The myriad of notes, tones and pitch variations emanating from the Sardinians vocal chords and lungs was truly a wonder to behold. It was as if she was performing outside of her physical being, letting the music infiltrate her mind, soul and body. Her passionate display only served to motivate Mr Adewale and Mr Zrilli to raise their game heightening their drum and percussion output markedly to an almost feverish level. All the while Giorgio Serci was metronomically strumming his guitar whilst keenly observing all that was going on before him.

 

filomena-campus-giorgio-serci_by_antonello-brughitta_09
Photo: Courtesy of Antonello Brughitta

You know for sure when you’re at a great gig, when the hours drift by effortlessly because you’re so into the music. Suddenly conscious of this fact, Filomena apologised if anyone had to catch late-night transport home. She needn’t have worried, because we were prepared to stay until dawn if need be, the vibe was that good. Alas, the final tune, ‘Campidano’ was upon us. As the age old saying goes,’They definitely left the best till last!” ‘Campidano’ incorporates all the elements of Giorgio Serci’s trademark writing style – a jaunty, infectious and engaging composition which automatically invites Filomena to weave her spirited vocal throughout. Four more superlative individual solos followed. Firstly Giorgio Serci evoked crystal clear images of wild flowers swaying carefree in the Sardinian countryside.

filomena-campus-giorgio-serci_by_antonello-brughitta_10
Photo: Courtesy of Antonello Brughitta

Three-thirds of the way through Ms Campus chimed in with the same wild abandonment as the aforementioned wild Sardinian flowers, flexing her back in order to obtain the required notes. Special guest Paolo Fresu then gave us a mellow Miles Davis-esque muted trumpet offering, which segued smoothly into another scintillating Orphy Robinson xylosynth display. The icing on the cake was a percussive performance of epic proportions from the brilliant Brazilian Adriano Adewale, whose dexterity and elasticity, switching between the array of percussive instruments before him was a joy to behold. All in all Filomena Campus’ and Giorgio Serci’s ‘Scaramouche’ album launch was an unheralded an unmitigated success, and given the popularity of the three nights, expect an extended run of ‘My Jazz Islands’ in the coming years.

Michael J Edwards

‘Scaramouche’ refers to 16th century masked theatre performances of the ‘Commedia dell’arte all’ improvviso’(comedy of the very creative ability of improvisation).

Essential Websites:
http://www.filomenacampus.com/
http://www.giorgioserci.com/Giorgio_Serci/Home_Page.html
http://www.paolofresu.it/
http://orphyrobinson.blogspot.co.uk/
http://www.adrianoadewale.co.uk/

filomena-campus-giorgio-serci_by_antonello-brughitta_11

 

 

Dùos Live in Croatia – Festival of Visual Arts, Labin, 2011

 

For booking and info: theatralia@theatralia.co.uk / barbara@theatralia.co.uk

~ ~ ~ ~ ~

 

Giorgio Serci

Vincitore del premio Internazionale Sant’Anna Arresi Jazz, chitarrista, compositore e docente ai corsi di laurea in Musica all’ACM, Guildford e al Middlesex University, UK. Dopo aver studiato Jazz al Goldsmiths College, ha conseguito il Master Degree in Music, al Surrey University, laureandosi in Composizione con Distinction. Ha suonato con Basia, Sylvain Luc, David Garrett, Nigel Kennedy, Julian Lloyd Webber, Eric Roche, Antonio Forcione, Andy Sheppard, Ronu Majumdar, Harvie S, BBC Concert Orchestra, Neue Philharmonie Frankfurt e tanti altri. Ha realizzato quattro CD come leader e tantissimi altri come side man.  Oltre all’ attivita’ didattica e al ruolo di Fellow all’ACM, Giorgio ha realizzato svariate lezioni multimediali per Lick Library e come columnist per iguitarmagazine. Ha recentemente formato la ‘Bansangu Orchestra’ col sassofonista Paul Booth, orchestra che include i musicisti piu’ di spicco della scena Londinese  e ‘Duos’, con la rinomata cantante e autrice sarda Filomena Campus.

Yamaha e MarkAcoustic endorser, svolge intensa attivita’ concertistica grazie alla sua versatilita’ che gli permette di suonare con artisti internazionali in vari generi musicali.

 

Stampa su Giorgio Serci

‘Uno dei migliori chitarristi acustici contemporanei e uno dei musicisti piu’ creativi nella scena jazz’ Jonny Phillips – Jazz Umbrella

‘La musica del chitarrista Giorgio Serci e’ assolutamente affascinante’ Phil Castang – IGF

‘Il fraseggio e linee nei soli di Serci sono sempre pieni di significato’ Charles Alexander – JazzWise

‘…un esempio su come esprimere grande abilità tecnica senza ledere minimamente l’autentico movente del cuore, (…) un calore comunicativo decisamente e meravigliosamente “mediterraneo’  Bruno Pollacci – “AnimaJazz” – Italy

Press on Giorgio Serci

“Sardinian Guitarist Giorgio Serci’s music is utterly mesmerizing” Phil Castang – IGF

“Serci’s solo lines are always purposeful” – Charles Alexander – JazzWise

“One of the best acoustic guitarist right now but also one of the most inventive musicians on    the circuit.   Jonny Phillips – Jazz Umbrella

www.giorgioserci.com

 

 

2012-08-24 22.42.57 - Version 2 Dùos

 

Filomena Campus

Artista eclettica di fama internazionale, vocalist jazz e regista teatrale, vive dal 2001 a Londra,  dove ha collaborato con alcuni tra i più importanti musicisti della scena jazz inglese e internazionale come Paolo Fresu, Evan Parker, Orphy Robinson,  Antonello Salis, Guy Barker, Jean Toussaint, Byron Wallen, Cleveland Watkiss, Huw Warren, Martin France, Pat Thomas,  Antonio Forcione, Maciej Fortuna, Andreas Schmidt, Tony Kofi, e la London Improvisers Orchestra, con cui ha registrato  il CD live Improvisations For George Riste.  Vincitrice del Premio Maria Carta,  nel 2010 ha fondato il Filomena Campus Quartet con cui ha registrato il progetto JESTER OF JAZZ  (Egea Sam) con testi di Campus e musiche scritte dal pianista Steve Lodder e dal contrabbassista Dudley Phillips,  con special guests  Jean Toussaint (sax) e Rowland Sutherland (flauto), che e’ stato in tour in diversi paesi europei e ha ricevuto ottime recensioni a livello internazionale. Nel 2014 e’ nato il duo di Filomena Campus con il pianista e fisarmonicista di fama internazionale Antonello Salis.

Nel 2013 ha ideato e creato il My Jazz Islands Festival (che si svolge a Londra e in Sardegna) in collaborazione  con il Pizza Express Jazz Club Soho a Londra con ospiti come Stefano Benni, Antonello Salis, Orphy Robinson, Cleveland Watkiss, Paolo Fresu e altre stelle del jazz europeo.

  Nel 2009  Campus ha curato la regia ai prestigiosi Riverside Studios di Londra, dello spettacolo ‘Misterioso’ di Stefano Benni su Thelonious Monk, che ha tradotto e adattato con la sua compagnia Theatralia e alcuni dei nomi piu importanti del jazz britannico. Sponsorizzato dall’Arts Council England, ha ricevuto ottime recensioni dai media inglesi e italiani. Nel 2008 Theatralia ha presentato Misterioso al Festival di Edimburgo. Nel 2006 Campus ha curato a Londra la regia di U238 di Marco Paolini e nel 2005 ha messo in scena per tre settimane di repliche ‘Not in My Name’ un adattamento del testo dei Living Theatre al Camden People’s Theatre, teatro sperimentale di perfomance art al centro di Londra. Dal 2003 Filomena Campus  ha  messo in scena ‘Theatralia interludes’: performance/happenings multimediali  di improvvisazione e performance art, con musicisti, performers, attori, danzatori e visual artists. Inoltre ha registrato il cd ‘In Kimbe’ (2004) con Rowland Sutherland, e partecipato a numerosi tour internazionali, tra cui il Water Aid Empty Boat Tour in Mozambico, da cui e’ stato tratto un film documentario.

 

Stampa su Filomena Campus:

La prosodia di Filomena Campus è naturale e la sua voce riesce a coniugare generi e stili musicali con una facilità disarmante’Ayroldi MUSICA JAZZ

Chi l’ha sentita e vista cantare dal vivo (mi riferisco, per quanto mi riguarda, a Roccella 2008) non ha più dimenticato la sua voce versatile, cangiante e ammirevole sempre, sottolineata da una splendida presenza scenica” Franco Fayenz

‘Sul palco la Campus e’ una sciamana della musica, che con ”la sabbia e il mirto nel sangue” incanta l’audience grazie ad una voce dall’espressivita’ viscerale e una presenza magnetica’ Ansa

‘La sua voce ha il calore del sole e i riflessi della musica dell’anima… Cantante di livello, dotata di swing e humour si muove sul palco con grazia danzante strappando applausi a scena aperta, legge poesie,   ( ..) Incanta il pubblico con una voce che conosce gli accenti del blues’  Walter Porcedda, La Nuova Sardegna

‘La sua voce e’ uno strumento espressivo che raramente usa al servizio della parola. Non e’ scat ma qualcosa di piu viscerale.. Filomena raggiunge e cattura il suo pubblico comunicando espressivita’ da ogni parte del corpo’. Mary Brosnan, Londra

‘Campus si esprime in inglese e italiano, fra poesia e suoni, smooth e vocalese, tra aperture soliste, testi impegnati, flessioni cantautorali, eleganza interpretativa, con richiami culturali espliciti via via a Dario Fo, Franca Rame, Stefano Benni, Thelonius Monk, Augusto Boal, Maria Carta e alle tradizioni isolane’  Guido Michelone, Alias/Il Manifesto

Click here to read press reviews on Filomena Campus

www.filomenacampus.com

«SCARAMOUCHE». INTERVISTA A FILOMENA CAMPUS E GIORGIO SERCI

Uscirà a gennaio 2015 «Scaramouche» (Incipit, distr. Egea) l’album firmato da Filomena Campus e Giorgio Serci. Ne abbiamo parlato con loro.

L’universo sonoro che hai voluto esplorare con Giorgio Serci in «Scaramouche» è quello legato alla tua anima mediterranea, sembra tutt’altra via rispetto a «Jester Of Jazz». Qual è l’anello di congiunzione tra questi due lavori?

FC: E’ vero, sono due lavori completamente diversi, ma l’anello di congiunzione sono sicuramente l’anima mediterranea e le radici nella nostra isola, la Sardegna. In «Jester of Jazz» erano accennate nell’arrangiamento «inglese» di un classico sardo come No potho reposare o nei testi di Sabbia e Mirto o Summer Lights ispirati al partire, alla nostalgia, alla voglia di tornare, e quella di andarsene ancora. «Scaramouche» è completamente diverso nel line up, un progetto minimalista nato come duo di voce e chitarra insieme a Giorgio Serci  e poi nel tempo avvolto e arricchito dalle note preziose di colleghi, musicisti e maestri come Kenny Wheeler, Adriano Adewale, Rowland Sutherland e dall’orchestra d’archi dei Keld Ensemble.

A proposito: come è nato il sodalizio con Giorgio Serci?

FC: Ci siamo incontrati su myspace anni fa su suggerimento del nostro amico comune Antonio Forcione,  e nel 2010 Giorgio mi invitò come special guest a un suo bellissimo concerto al Pizza Express a Londra. Rimasi incantata dalle sue composizioni e dalla purezza del suono della sua chitarra, uno strumento che ho sempre amato. Da allora è nata una collaborazione che ci ha portato a scrivere insieme brani originali, e a suonare in Germania, Croazia, Italia e Gran Bretagna; e, ora, al nostro album. Credo che il segreto della collaborazione sia il linguaggio comune essendo entrambi musicisti sardi trapiantati a Londra da tanto tempo. Giorgio è un chitarrista, compositore e arrangiatore di  grande talento. Ha scritto tutte le musiche e io i testi (a parte Momentum). Ha un approccio al jazz e all’improvvisazione in cui ci siamo ritrovati pienamente nella ricerca, del tutto naturale e istintiva delle sonorità ancestrali legate alla nostra isola, alla nostra storia e fuse con ritmi e atmosfere lontane, aperte al mondo e a linguaggi diversi. Inoltre siamo entrambi molto pignoli e attenti al dettaglio, per cui ci sono voluti oltre due anni di lavoro intenso per realizzare e finire il progetto, che nel cammino ci ha portato a incontri fortuiti e meravigliosi come quello con l’artista Giuseppe Carta, pittore e scultore apprezzato in tutto il mondo, che ha creato per noi la copertina dell’album e curato il servizio fotografico del libretto.

Si ascolta anche il Brasile: è un tuo obiettivo anche geografico-residenziale?

FC:L’amore per il Brasile e per la sua musica è un altro elemento presente nell’album e una passione comune con Giorgio. Nei concerti dal vivo abbiamo in repertorio anche un brano di Chico Buarque, Meu caro amigo, dedicato ad Augusto Boal, regista e attivista brasiliano meraviglioso che ebbi la fortuna di conoscere e al quale ho dedicato un brano, Boal nell’album «Jester of Jazz».  Abbiamo anche arrangiato un pezzo di Egberto Gismonti e scritto insieme il brano Hermetico per Hermeto Pascoal, che apre l’album. Personalmente sono stata due volte in Brasile di recente e mi sono innamorata di Rio. Mi sono sentita a casa, e ho trovato una città simile a Cagliari, per molti versi. Inoltre la collaborazione con un maestro percussionista brasiliano come Adriano Adewale ha probabilmente completato la fisionomia musicale e geografica del nostro progetto tra Londra, Sardegna e Brasile.

Baltic Spellbound appare come uno scrigno che contiene qualcosa di barocco, camerismo contemporaneo, venature blues e tant’altro. A cosa vi siete ispirati.

FC: E’ un brano che Giorgio aveva scritto tempo prima e registrato in versione strumentale,  lo trovai molto accattivante con i suoi accordi in minore e soprattutto perché  lasciava spazio ai silenzi, al respiro. Portai la musica con me nel mare Baltico alcune estati fa e il mio testo è proprio la descrizione del vissuto di quei giorni, dei colori dipinti dal sole che affondava come un acquarello sul mare, un cigno accomodato in riva in posa mentre lo fotografavo vicinissimo, una barca a vela in un porto con un mare immobile e silenzioso, e il nome Spellbound dipinto sul lato. Forse anche la sorpresa di scoprire un mare cosi affascinante che non fosse quello sardo e sentirmici comunque a casa. Sia nella musica che nel testo un tributo alle atmosfere del nord Europa.

GS: Questo pezzo è stato ispirato dagli evocativi panorami scozzesi, dove mi trovavo in tour a fine anni Novanta. In particolare il mitico lago Loch Ness, che poi ha dato il titolo originale a questa composizione incisa in versione strumentale nell’omonimo disco col pianista Bob Stuckey. Il silenzio, gli incantevoli paesaggi e la magica atmosfera che regna in questi luoghi mi hanno suggerito un approccio compositivo minimalista ed essenziale, giocando con frammenti melodici, armonici e ritmici ripetuti in maniera asimmetrica.

In verità, ogni brano contiene i semi di tante musiche. E’ nato tutto spontaneamente? Avevate un riferimento, per così dire, storico?

GS: Le composizioni in «Scaramouche» sono il frutto di tanti anni di ricerche. Londra è una città dove si mescolano tantissime culture musicali. In questi anni ho avuto la possibilità di suonare in giro per il mondo con grandissimi esponenti di vari generi: dalla musica indiana, brasiliana, sarda, classica, jazz, flamenco e tante altre. Queste contaminazioni hanno arricchito il mio lessico musicale, caratterizzando il mio modo di suonare e di comporre.

FC: Alcuni brani sono nati da composizioni già esistenti di Giorgio e mi hanno ispirato a scrivere i testi. Nei brani Primavera e Campidano ho capito che non era necessario aggiungere un testo, funzionano benissimo senza e creano un contesto magnifico per l’improvvisazione vocale, e ispirano a esplorare suoni e  venature ispirate dalla tradizione sarda, molto forte in questi due pezzi.

Comunque, sembra che abbiate svolto anche un accurato lavoro di ricerca e di studio per ogni singolo brano. Quali sono le fonti dalle quali siete partiti?

GS: Le nostre radici sarde, ma anche le nostre esperienze e inclinazioni artistiche hanno ispirato la scelta e lo sviluppo di ogni pezzo. Oltre a Boghe è mestrale e Campidano, ispirati dalla nostra  Sardegna, o Hermetico, dedicata al grande Hermeto Pascoal. Quest’ultima alterna passaggi dalle connotazioni ritmiche, melodiche e armoniche tipicamente brasiliane, a riferimenti più specifici al grande compositore Pascoal. Questo spiega i ricorrenti cambi ritmici ( 7/8, 12/8, 2/4), e il vario contenuto armonico (dalle armonie tradizionali della musica di Bahia a quelle più dense e dal carattere più jazzistico). Il testo di Filomena cattura pienamente l’essenza della musica di Pascoal, geniale e goliardica.

FC: Ogni brano ha una storia e una ricerca differente, che a volte trova le radici nella letteratura. Ad esempio la musica di Round Midday mi ha ispirato ad adattare una poesia Human Interlude, del grande poeta beat Jack Hirschman, con cui lavorai anni fa. Scaramouche, che dà il titolo all’album, è nata da diverse parti di un brano che Giorgio mi aveva accennato alla chitarra e che poi abbiamo ricomposto insieme attraverso delle improvvisazioni in cui ha lentamente preso forma, ispirando poi il mio testo dedicato a Scaramouche. E’ una maschera, un clown della commedia dell’arte che oltre alla mezza maschera cantava e suonava la chitarra. Io lo vedo come il simbolo del nostro lavoro insieme, un personaggio che rappresenta le nostre due anime, il teatro e la musica. Il testo in particolare è dedicato a Steve Knapper, un carissimo amico e collega alla Kingston University che aveva una passione contagiosa e un dottorato su Scaramouche.

Tra gli ospiti spicca Kenny Wheeler. Ci regalereste un ricordo su di lui?

FC: L’idea di invitare Kenny è stata di Giorgio e ho pensato  che sarebbe stato un sogno!. Poi ti rendi conto che Londra è  uno di quei posti magici in cui a volte i sogni si possono realizzare. Giorgio invitò  Kenny, che accettò subito di suonare nel brano Momentum. Kenny stava già male ma ancora suonava, infatti nelle stesse settimane partecipò al London Jazz Festival. L’ultimo ricordo personale che ho di Kenny risale alla scorsa estate, al Vortex Jazz Club a Londra, dove alcuni musicisti e colleghi tra cui John Taylor e Martin France suonarono un concerto tributo proprio per lui, presente tra il pubblico con sua moglie e suo figlio. Mi avvicinai a salutarlo, era dimagrito in modo spaventoso da quando avevamo registrato l’album e aveva problemi a sollevare la testa. Una fragilità straziante. Ma attento e vivace, mi disse: «The guys are playing really well tonight, aren’t they?» (I ragazzi stanno suonando proprio bene stasera, vero?).

GS:  Ho conosciuto Kenny Wheeler per la prima volta al festival jazz di Toronto dove entrambi suonavamo. Ho sempre sognato di registrare con lui e questa era un occasione perfetta. Filomena ha accolto con entusiasmo quest’idea, entrambi convinti che il suo suono così evocativo e il suo stile improvvisativo unico avrebbero dato un tocco magico al nostro album. Dopo aver sentito Momentum, Wheeler mi ha chiamato personalmente per dirmi che il pezzo gli era piaciuto molto e che sarebbe stato felice di registrare per noi. Il suo entusiasmo, professionalità e capacità di entrare dentro lo spartito interpretandolo con così tanta originalità e poesia, malgrado l’età e il suo fragile stato di salute cercassero di ostacolarlo, è stata una lezione di vita che terrò sempre dentro di me.

Unico brano non originale è Ombre di Maria Carta. Terra a parte, Filomena cosa ti lega a lei e perché proprio questo brano?

FC: La stessa poesia aveva ispirato il mio testo di Summer Lights in «Jester of Jazz». Qui ho voluto renderle omaggio con il testo originale, che ho imparato a memoria e recito nei nostri concerti cercando di applicare alcune tecniche di recitazione imparate da due amiche preziose, Franca Rame e da Roberta Carreri degli Odin Teatret. Il testo di Maria Carta mi riporta fortemente, quasi con violenza, al mio rapporto con la Sardegna, le sue luci, le voci, ma anche le sue ombre, i pensieri di granito di cui parlo nel nostro brano Boghe è maestrale, la voce del maestrale. Nel 2009 ricevetti il premio Maria Carta e in quell’occasione la famiglia Carta mi invitò a visitare il museo a lei dedicato  a Siligo, suo paese natale, e mi regalò il suo libro Ombre, una collezione di poesie e testi secondo me di serio valore letterario. Mi sono affezionata moltissimo a questa donna e artista eclettica, cantante, attrice, scrittrice e attivista, sono orgogliosa di portarla con me nei nostri concerti. Anche se il pubblico non capisce l’italiano, il suono e la forza di questa poesia comunque arrivano a chi ascolta, ha una forza sua, quasi sciamana. Quando Giorgio ha suonato la chitarra nella registrazione ho capito dalle sue note che ne ha colto subito l’essenza e lo spirito.

Filomena, ci parleresti del tuo progetto «Misterioso»?

Un progetto a cui sono legata profondamente  e che ha significato tanto per me e la mia carriera a Londra.  Nato nel 2006 quando leggendo il testo di Stefano Benni dalla sua raccolta Teatro 2 ebbi una epiphany. Chiamai subito Paolo Fresu per chiedergli di mettermi in contatto con Benni che non conoscevo e gli proposi di mettere in scena a Londra il suo testo Misterioso, un monologo su Thelonious Monk, che tradussi e adattai con una band di musicisti inglesi, due attrici e due visual artists (Sdna).  Il progetto ebbe molto successo nella prima edizione al Camden People’s Theatre e lo portammo poi ai Riverside Studios, il teatro leggendario dove lavorarono da Samuel Beckett a Dario Fo e Franca Rame, facendo il tutto esaurito. Per l’anno successivo mi offrirono di fare tre settimane di repliche nello stesso teatro a Londra e una al festival di Edimburgo, ed ebbi il contributo dell’Arts Council England. Monk era rappresentato sia dalla voce di Cleveland Watkiss che dal pianista Pat Thomas, il quale sia nell’aspetto che nel modo geniale e unico di suonare sembra la reincarnazione di Monk (siamo tutti certi che lo sia veramente!).  Ho visto alcuni musicisti commossi dietro le quinte: erano felici di dare voce e note al loro, al nostro maestro, di raccontarne la storia drammatica e il genio, forse non ancora totalmente riconosciuto. Avendoci lavorato per tre anni poi mi sono occupata di altri progetti dal 2010, ma tutti nella compagnia Theatralia, dai musicisti ai tecnici vorrebbero riportarlo in scena, anche tanti spettatori ogni tanto mi fermano dopo i concerti per dirmi che spettacolo incredibile era Misterioso. Sarebbe splendido portarlo in tour, magari con un cast ridotto e con Stefano Benni con noi sul palco, in una versione anglo-italiana. Lo scorso anno con Benni abbiamo creato e messo in scena lo spettacolo Italy vs. England, un progetto originale con testi di Stefano e musiche del mio quartetto inglese (Steve Lodder, Dudley Phillips e Martin France).  Anche questo è un lavoro che ha avuto un grande successo e che ci piacerebbe portare in tour. Lavorare con Benni per me è un piacere immenso, il suo stile surreale, il suo talento sul palco e il suo ritmo da vero jazzista si sposano molto bene con lo spirito «giullaresco» del mio quartetto inglese.

Filomena, hai creato e dirigi My Jazz Islands Festival, che quest’anno è arrivato alla II edizione. Come è nato?

Il festival è nato nel 2013 in collaborazione con il Pizza Express Jazz club Soho di Londra e Forma e Poesia nel Jazz a Cagliari. Ho pensato di creare un ponte jazz tra le mie due isole, la Sardegna e la Gran Bretagna, facendo incontrare musicisti che non si conoscevano e incoraggiando cosi nuove collaborazioni. E’ stato un successo inaspettato, meraviglioso, sia a Cagliari  durante il solstizio d’estate, sotto una luna piena nel contesto bellissimo del Lazzaretto, che a Londra a novembre, in uno dei club più importanti in Europa, dove suonano da Gregory Porter a Norma Winstone solo per citarne alcuni. Per me è anche un modo di far conoscere la bellezza della mia isola (molti inglesi non sanno nemmeno dove si trovi) e dei suoi talenti musicali e artistici. Diversi giornalisti inglesi hanno seguito l’evento e ora sono appassionati sia del festival che della Sardegna. E’ stato molto emozionante anche vedere tantissimi sardi presenti all’edizione londinese del festival.  L’ultima edizione si è svolta solo a Londra, dove, visto il grande successo di quest’anno ho già confermate le date dell’edizione 2015. In Italia purtroppo nel 2014 non è stato possibile realizzarlo, non ho più avuto il supporto dell’organizzazione della prima edizione, so che in Italia e in Sardegna in particolare ci sono problemi con i finanziamenti per l’arte e lo spettacolo e me ne dispiace immensamente, soprattutto se si rinuncia a un progetto che ha avuto un tale successo. Detto questo sono determinata a trovare altri partner interessati a un gemellaggio con Londra per il festival 2015, non necessariamente solo la Sardegna, ma aperto a tutta l’Italia. Il festival a Londra è stato inoltre parte di Suona Italiano, un progetto organizzato dalla fondazione Musica per Roma per la promozione e la diffusione della musica italiana in Uk. Con loro ci siamo trovati benissimo, sarebbe bello ripetere la collaborazione il prossimo anno.

Filomena, quali sono le maggiori difficoltà dal punto di vista organizzativo che devi affrontare? Il sistema funziona come in Italia?

A Londra ho trovato il pieno supporto del manager del Pizza Express, ovviamente felicissimo del tutto esaurito ogni sera e del riscontro dei media e della stampa sia inglese che italiana e l’istituto Italiano di Cultura di Londra ha collaborato al festival. Penso che un gemellaggio con Londra farebbe gola a molti organizzatori italiani, la visibilità internazionale che offre questo festival non è da sottovalutare. Sono stata intervistata dalla Bbc e un deejay di JazzFm, una delle radio più seguite in Uk,  mi ha detto che verrebbe in Italia a coprire il mio festival con un live broadcasting nel Regno Unito.  Avendo visto i film-documentari sulla Sardegna e sulla sua musica durante la nostra presentazione del festival alla stampa all’Istituto Italiano di Cultura, i giornalisti inglesi erano incantati dalla bellezza  e dal fascino dei luoghi, dal talento dei musicisti e ora ogni volta che mandano in onda un brano da uno dei nostri album, commentano anche sulla bellezza dell’isola da visitare, sul jazz italiano e sui bellissimi festival estivi.  In Italia ogni volta che parlo con un promoter sento lo stesso drammatico discorso della mancanza di fondi e del non poter-voler rischiare con un progetto che sicuramente non è convenzionale, nel senso che non suoniamo standard e siamo orientati verso la sperimentazione e l’improvvisazione, e i nomi dei musicisti, famosissimi in Uk, non sono cosi conosciuti in Italia (notare che lo stesso vale in Inghilterra per i musicisti italiani). Tutti vogliono andare sul sicuro, su ciò che già conoscono e che sanno venderà in termini di biglietti.  Ma in questo modo non si rischia di mantenere il jazz italiano in una nicchia e di frenare anche un potenziale sviluppo della musica se si resta sempre su terreni sicuri? Inoltre in termini di organizzazione devo ammettere che a Londra i tempi sono brevissimi, si lavora con un anno di anticipo sulle date e i booking, e i pagamenti sono molto veloci se non immediati. Non esiste il carico di burocrazia che un promoter deve affrontare in Italia e non esiste la doppia tassazione per i musicisti stranieri. Un club certo non può permettersi di pagare un’artista quanto un festival, ma le cose si fanno e si vedono i risultati.

E come effettui le scelte artistiche?

Essendo eclettica per natura trovo ispirazione in diverse situazioni, dai concerti al teatro alla danza alla performance art, letture, musei, viaggi e incontri. I progetti nascono da un’idea che mi appassiona e non mi lascia in pace finchè non la realizzo. Mi piace correre rischi: adoro l’improvvisazione free, la sperimentazione e la fusione di diversi linguaggi, l’incontro di culture diverse. Mi piace mettere insieme le persone, le loro energie, i loro talenti, i loro suoni.  Forse questo nasce dalla mia anima di regista. Questo festival mi ha dato la possibilità di fare incontrare musicisti che non avevano mai suonato insieme e soprattutto di far conoscere in Italia grandi musicisti inglesi e viceversa qui a Londra dove il jazz italiano è davvero poco conosciuto. Negli scorsi mesi devo ammettere che ho avuto il piacere di partecipare ad alcuni progetti non miei e riassaporato la leggerezza di salire sul palco senza la responsabilità di tutta l’organizzazione e della regia.

E’ successo con il nuovo progetto di Steve Williamson (http://www.theguardian.com/music/2014/sep/03/steve-williamson-review-jazz-warrior-pizza-express-club-london), dove ho suonato insieme a mostri sacri come Michael Mondesir, Robert Mitchell e Sebastian Rochford dei Polar Bear,  e nel Concerto per l’Europa dove facevo parte di uno splendido ensemble con musicisti da tutto il mondo guidati dal trombettista polacco Maciej Fortuna, (http://www.istitutopolacco.it/index.php?mod=2&app=538&c_month=7&c_year=2014) a cui mi ha presentato l’amico Gavino Murgia, che spero farà parte del My Jazz Islands il prossimo anno.

Un bilancio di queste due prime edizioni.

Ottimo, felicissima del successo dell’ultima edizione a Londra e dell’attenzione dei media britannici, abbiamo preparato il terreno per le future edizioni. Fare il tutto esaurito per tre sere consecutive in uno dei club più importanti a Londra insieme al Ronnies, resta un grandissimo risultato. Ora siamo alla ricerca di un partner italiano per un gemellaggio con My Jazz Islands a Londra. Fatevi avanti.

Filomena, perché hai lasciato l’Italia? Cosa c’è che non va?

L’ho lasciata molti anni fa, con il pensiero che sarei tornata presto. A volte mi manca tanto ma altre volte, quanto torno,  mi sento più straniera che a Londra. Anche se ho spesso nostalgia della famiglia, del sole, del mare, di una lingua madre che ti permette di articolare pensieri e riflessioni senza ridurli a un vocabolario molto più limitato. Me ne sono andata tempo fa perché  avevo un bisogno feroce di conoscere altro, di crescere artisticamente e Londra ha la capacità, che trovo unica dopo aver vissuto anche a Berlino e aver viaggiato parecchio negli ultimi anni,  di farti confrontare con il mondo, perché a Londra vive il mondo.  Ci sono persone da ogni angolo della terra, di qualsiasi background. La diversità. E’ questo che mi tiene legata a questa città che, nonostante le difficoltà e le contraddizioni,  scopro di amare sempre di più. Il sessismo è une delle cose che  in Italia non va e che non posso accettare. Non va il disprezzo verso chi disperatamente cerca accoglienza in Italia, mentre si dimenticano le migliaia di italiani che cercano lavoro all’estero, non va non ricevere risposta alle email, cosa che all’estero è considerata una grave mancanza di rispetto e di professionalità. Non va il continuo lamentarsi senza fare niente per cambiare le cose. Londra ti insegna che esiste l’integrazione di culture diverse, che ce la puoi fare anche senza avere raccomandazioni e che bisogna faticare e continuare a studiare perche la concorrenza e’ di altissimo livello, che non c’è tempo da sprecare nei pettegolezzi o nella eccessiva attenzione all’esteriorità, e soprattutto la franchezza di dire sì o no, di non far perdere tempo con false promesse. Oltre alla frustrazione ho comunque la speranza che un paese meraviglioso come il nostro possa riprendere coscienza e risollevarsi a partire proprio dalla cultura, dall’arte, dall’istruzione e dall’integrazione.

Cos’è Theatralia?

Il mio avatar teatrale. La mia compagnia, un ensemble di artisti che prende forma quando un progetto nasce e la passione lo porta in scena. Non è un collettivo stabile, ma cambia, e si muove anche di paese in paese, è nato a Cagliari con le mie prime sperimentazioni teatrali/musicali, ha presto forma a Londra, dove abbiamo messo in scena spettacoli dei Living Theatre, di Marco Paolini, di  Benni, di Franca Rame e Dario Fo, di Mario Fortunato a Berlino lo scorso gennaio. Oppure con cui organizziamo workshops e happening di improvvisazione con musicisti,  danzatori, attori, clown e visual artists. Uno spasso.

Quali sono i tuoi prossimi impegni e i tuoi progetti futuri?

Tanti. Prima di tutto la seconda edizione del festival a Londra dove ho già le date per il prossimo novembre 2015 e lavorare per riportarlo in Italia questa estate.

La promozione in Europa e in Italia dell’album «Scaramouche» (che uscirà in Italia  a gennaio, distribuito da Egea- Incipit)  con Giorgio Serci e special guests,  suoneremo a Londra con l’orchestra d’archi Keld Ensemble a febbraio. Il nuovo duo con il grande Antonello Salis con cui abbiamo suonato in Sardegna e a Londra, e con cui pensiamo di registrare presto. Un nuovo album con il mio quartetto inglese, con cui suoneremo al Rye International Jazz Festival in Inghilterra ad agosto. Un duo di improvvisazione vocale con Cleveland Watkiss e un nuovo progetto con una band di musiciste/i inglesi creata con la pianista Laura Cole, con brani originali ispirati ad artiste come Frida, Niki De Saint Phalle, Marina Abramovic, Franca Rame e tante altre. Un misto di concerto, improvvisazione e performance art, un tributo musicale al femminile che ha già avuto la benedizione di un grande come Robert Wyatt.

Alceste Ayroldi

Foto duos Anedda:Carta2